Angelo Orazio Pregoni. Il nome di un Naso, performer e scrittore.

 

Angelo Orazio Pregoni è il primo perfume maker al mondo che abbia osato trasformare i profumi in opere d’arte, stimolando l’intelletto e non solo i sensi attraverso fragranze che sul mercato hanno il valore di veri e propri oggetti d’arte concettuale.
Creazioni dal valore artistico che per la loro irriverenza spesso fanno discutere,
non mancando mai l’obiettivo di pro-vocare, chiamare avanti, all’attenzione, per suscitare emozione ma anche generare conoscenza, come solo l’arte sa fare.

Artista sinestetico e performer, Pregoni è capace di creare esperienze multisensoriali coinvolgenti partendo dall’olfatto. Per la prima volta nella storia della profumeria, questo senso primordiale è usato come mezzo per introdurre concetti etici e morali: le performance di carattere Fluxus presentate in tutta Europa dall’artista superano i limiti dell’arte concettuale, sfuggendo a ogni categoria per abbracciare l’essere umano per intero, sensi e intelletto.

Pregoni ha aperto la strada alla profumeria artistica made in Italy nel 2011, con la fondazione del brand O’DRIÙ e del movimento “Nouse Art”, affermandosi sulla scena mondiale come uno dei più rivoluzionari Nasi della storia dell’arte profumiera.

Talento poliedrico, è anche scrittore di testi letterari salaci e ironici in cui conduce una cruda introspezione della realtà per scatenare il “riso amaro” di pirandelliana memoria. Attraverso l’abile maestria nell’uso della parola, Pregoni autore passa dalla pungente narrativa de Il Vangelo secondo Gay, alla contemporanea, avanguardistica poesia ricca di echi culturali classici e pop del libro ACINESIA – Poesie disabili.

 

Vai ai dipinti e alle serigrafie